La Prima Squadra sbatte contro i chili del Baden

La Prima Squadra sbatte contro i chili del Baden

Baden Basket: 61
Pallacanestro Mendrisiotto: 77

Hanno giocato: Tessaro 10, Picco 4, Keller, Erba 3, Bellarosa L., Summerer 4, Dotta 6, Bianchini 19, Bellarosa M. 12, Cadei, Iocchi 13, Caola M.

Si parte da Chiasso alle 10.30 del mattino con un fiammante torpedone della Romantic Tour in direzione Baden.
In compagnia di coach Dario Frasisti abbiamo tutto il tempo di scambiare alcune considerazione sullo stato di forma attuale della squadra e sull’impegno che da lì a qualche ora aspetta i momò.

Dalle parole del coach traspare grande orgoglio e soddisfazione per questo gruppo di ragazzi che in questa stagione ha fatto un bel passo avanti nella crescita individuale e collettiva prendendosi non poche  soddisfazioni.

“E’ un gruppo di bravi ragazzi – ci dice sorridendo Fraso  – bravi fuori dal campo e forse troppo in campo. Manca forse quella “cattiveria” sportiva, quella malizia che in partita può farti guadagnare un possesso, sporcare un tiro all’avversario, innervosirlo…ma ci sta, sono giovani e contro squadre fisiche e con elementi d’esperienza è un  gap che bisogna considerare”.

Arriviamo a Baden con largo anticipo. Giornata piovosa e in palestra possiamo rilassarci guardando gli ultimi scampoli della partita della locale squadra femminile.

Alle 15.15 i ragazzi sono in campo per un lungo e minuzioso riscaldamento. La concentrazione è quella giusta e la partita è ormai pronta per essere giocata.

Palla a due alle 16.15 e la RPM parte subito bene. Giocate veloci e buona intensità difensiva mettono subito pressione ai padroni di casa che soffrono. Si va sul + 8 grazie anche ad un ottimo Summerer (uscito anzitempo per una gomitata all’occhio) che dalla distanza sembra non sbagliare un colpo.
I timori espressi da coach Frasisti sul bus emergono sul finale del 1/4. Baden reagisce mettendo in campo i chili di Albrecht e la partita diventa molto più fisica.
I momò tengono comunque bene con Iocchi a caricarsi di falli per tentare di arginare il gigante confederato e Tessaro a dare ritmo all’azione d’attacco. Si procede punto a punto fino a 5′ dalla pausa grande dove Baden piazza un minibreak che porta i padroni di casa a +9. Timeout di coach Fasisti che al rientro schiera una difesa box and one che manda in tilt Albrecht e compagni. La RPM recupera, pareggia e passa in vantaggio 34-36. Solo un “tiracccio” sul finale di periodo permette al Baden di riagguantare il risultato per poi chiudere il tempo sul 37 a 36 grazie ad un tiro aggiuntivo per fallo subito.

Il terzo quarto è decisivo per le sorti dell’incontro. Baden aumenta la fisicità e la RPM va in affanno. Si pasticcia in attacco sbagliando anche cose semplici e si perde quell’intensità difensiva che molto aveva portato nei primi due quarti dell’incontro. Baden allunga andando a +9 a 2’30” dalla sirena del 3/4 e mantenendo il divario fino all’ultima pausa.
Siamo quasi ai titoli di coda. Iocchi commette il quarto fallo a 6′ dal termine. Ad occuparsi di Albrecht sarà Fabio Picco che, dopo un inizio un pò troppo timoroso, si accorge di essere un ragazzone di 1,90 e con un buon basket fra le mani.

I momò tentano l’ultimo assalto ma le polveri delle bocche da fuoco sono bagnate dal tanto sudore messo in campo per arginare i chili avversari.

Si torna sconfitti dalla Turnhalle di Baden e si rientra in Ticino con rammarico. Un terzo periodo giocato male e quella “cattiveria” evocata da coach Frasisti nel viaggio d’andata che è mancata e che invece è stata l’arma vincente degli avversari.

Per chiudere due note positive: l’ambiente di grande amicizia e condivisione registrato per tutta la trasferta e l’ottima organizzazione di una Monica in formato Eurolega!

 

 

Condividi su Facebook !

Attachment

Leave a Comment

(required)

(required)